Tag

,

Dopo la Meloni e Gasparri contro la Cina per i diritti umani (da che pulpito), dopo decine di prese di posizioni imbarazzanti frutto di ignoranza su ogni argomento possibile (le varie leggi su internet sono qualcosa di raccapricciante), ora anche Luca Barbereschi si schiera contro YouTube, della serie “non sappiamo niente su quell’argomento, ma vogliamo ugualmente dire la nostra”. Niente di male se non fosse che questi determinano leggi ed altro in Italia.

Annunci