Tag

,

La succube del patriarca:

“I’ nun capisco bbuone che succede
che vonno cheste femmene
moderne nun se vede.
L’ommo che cce vuo’ fà è fatt’accussì
sta croce ci ‘a purtammo
cu pacienza c’aggi’a dì.”

Il movimento:

“Uè qua’ pacienza uè
né scétate mammà
stu milord ‘e tuo marito
l’hai lisciato l’hai servito
s’è pigliat’ ‘a vita toia
l’ha spremuta cumm’acché!”

Il rivoluzionario factotum:

“Cumpagna cumpagné’ nun ce pensà
‘a legge dell’abborto t’a facc’io,
tira a campà.
Tu si nu poco scarsa, bello core,
pe’ te deciderrà l’eccellentissimo dottore.”

Il movimento:

“Uè quale scarsa uè
né scetate cumpà’
si marito o si dottore
si cumpagno o monsignore
semp’a coppa tu me staie
bello mio nun me fai ochiù!”

La nuova che arriva:

“Uaglione a me me pare ‘n funno ‘n funno
che chiste femministe nun è cosa
‘e l’ato munno
Chest’è na cosa grande,è ‘na speranza
i’ primma nun ce stevo mo’
però me faccio ‘nnanza”

Il movimento:

“Uè benvenuta uè
ja’ donne jammo ja
via sti piatt’e caccavelle
oggi è sciopero da casa
viv’a tammuriata rosa
bella bella cumm’acchè!”

1975


Riferimenti:
Il Deposito

p.s.
Ho cercato il brano in video o audio, ma non ho trovato niente. Se avete qualche link mi farebbe piacere ascoltarla

Annunci